Juniores: la Virtus Goti di De Rosa è campione provinciale

46

(n.m.) É con l’ultima giornata del campionato Juniores che la Virtus Goti conquista il titolo provinciale. Dopo essere stati, per la quasi totalità del campionato, in testa alla classifica, con solo tre sconfitte, la Juniores dei goti vince meritatamente il campionato.

L’ultima uscita della stagione ha visto i goti scendere in campo a Paolisi, in una gara sofferta ed avvincente allo stesso tempo. Al 15’ è Capasso che porta in vantaggio la Virtus Goti: capitan Manera da centrocampo serve Iannace, fa fuori due avversari e passa il pallone vincente a Capasso che al centro dell’area con un tiro a volo va in gol. Al 35’ per un’incomprensione della difesa gota, il Paolisi segna il gol del pareggio. Al 43’ da un calcio di punizione il giocatore del Paolisi stacca di testa, Damiano è pronto nel primo intervento, ma poi non può nulla sulla ribattuta. La prima frazione di gioco termina sul  2-1.

Nel secondo tempo, dopo solo 5 minuti, i padroni di casa segnano in contropiede ancora il gol del 3-1. Bastano solo 2 minuti, però, e i goti, al 7’, vanno in gol. Da una punizione di Capasso, colpo di testa di Maglione che viene respinto dal portiere locale e sulla ribattuta la mette dentro. È il 3-2.  La Virtus non demorde ed al 13’, da un cross di Amico è agile, in una mischia in area, Maresca che segna il gol del pareggio goto. Nell’ultimo minuto di recupero, per un fallo in area su Amico l’arbitro indica il dischetto per la Virtus, nelle proteste generali dei padroni di casa. Sul rigore va Russo che segna il definitivo 4-3, siglando la vittoria della partita e del campionato.

Giocatori Juniores Virtus GotiSono molto soddisfatto del risultato raggiunto oggi e di quello stagionale” – ha commentato a fine gara un emozionato Mister De Rosa. “É stata una gara tutta in rimonta, perché per nostri errori siamo andati in svantaggio, ma i ragazzi non si sono mai abbattuti e comunque abbiamo avuto sempre il pallino del gioco. È anche vero che siamo stati spreconi in alcune occasioni, perché sull’1-0 per noi abbiamo creato vari occasioni da gol con Mingione, Maglione e Toure, ma che non siamo riusciti a concretizzare. Nonostante lo svantaggio i ragazzi si sono rimboccati le maniche e sono andati all’attacco, abbiamo rischiato davvero poco ed è arrivato il 3-2 ed il 3-3, ci abbiamo creduto fino alla fine ed è stato bravo Amico a procurasi il rigore alla fine e Russo a realizzare. Sono davvero contento e soddisfatto: ho avuto l’opportunità di portare a termine quello che è cominciato a giugno con i vari test sul campo di S. Maria a Vico perché ancora indisponibile il nostro “Ugo Ievoli”, con la collaborazione di Mister Martino che ci ha aiutato a selezionare alcuni giocatori e di Mister Grasso che ringrazio per quanto fatto fino alla fine del girone di andata. Doveroso un ringraziamento al presidente Carfora che mi ha dato l’opportunità di subentrare ed allenare questi ragazzi. Alcuni già li conoscevo perché essendo il secondo sulla panchina della Promozione ho avuto la possibilità di rapportarmi con loro, ma devo fare un plauso a tutta la rosa che mi ha accolto e rispettato dal primo momento dopo l’indisponibilità di Mister Grasso. Ringrazio, infine, i ragazzi: sono loro che vanno in campo e dalla prima gara hanno dimostrato che sono i più forti, rimanendo sempre in testa alla classifica. Adesso un rompete le linee di qualche giorno per riposarsi e poi venerdì di nuovo in campo per gli auguri di Pasqua e dalla prossima settimana siamo pronti ad allenarci perché il nostro lavoro non finisce qui. Se devo fare un bilancio, il 2016 è stato davvero un grande anno per la Virtus Goti, con la vittoria del campionato ed il passaggio in Promozione ed ora con la Juniores, che per noi è stata la prima esperienza, ed per un campionato vinto meritatamente sul campo” – ha concluso Mister De Rosa.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.