Il Benevento conquista anche gli avversari

I tifosi sono entusiasti del gioco della squadra e gli avversari ammettono la superiorità della squadra di Auteri

397

BN-MELFI (122) (2)Quando il tuo nemico sul campo, dopo la battaglia, è lì pronto a stringerti la mano, allora hai vinto due volte. E’ quello che sta accadendo al Benevento di Auteri che nelle ultime due uscite di campionato ha demolito Fidelis Andria e Melfi senza dare modo a nessuna delle due di recriminare o piangersi addosso. I giallorossi si sono rivelati semplicemente più forti di entrambe e il riflesso della superiorità è stato fornito puntualmente dalle interviste post-partita dei vari allenatori. Di recente Luca D’Angelo, allenatore andriese, è tornato sull’argomento “promozione diretta” parlando di una lotta a due tra Benevento e Foggia ma già dopo il match deciso da una doppietta di Cissé aveva detto la sua con grande obiettività: “Contro di noi i giallorossi hanno fatto due grandi partite sia all’andata che al ritorno. Mi hanno impressionato. Come potrei non segnalarli come favoriti?”.

Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda Guido Ugolotti, allenatore del Melfi, ultima vittima di Lucioni e compagni. L’ex tecnico della Strega ha prima ammesso le colpe dei suoi, colpevoli di non essere mai entrati in partita, e poi esaltato la prova dei sanniti. “Il mio Melfi non è proprio sceso in campo, ma se devo dare un favorito per la vittoria finale dico Benevento. Soprattutto per quanto mostrato proprio contro di noi sul rettangolo verde”. Parole che fanno seguito a quelle di tanti altri addetti ai lavori che nelle ultime settimane vedendo la Strega giocare a calcio aumentando di volta in volta il livello delle prestazioni e della condizione fisica sono rimasti letteralmente stupiti. Ad Auteri e ai suoi ragazzi il compito di continuare sulla strada giusta. Il percorso è lungo, ma i presupposti per fare bene ci sono tutti.