Gori, a tre passi dalla Storia

652

GoriSono pochi i calciatori che hanno legato gran parte della carriera con i colori giallorossi. Uno di questi è sicuramente Ghigo Gori, estremo difensore che – tra ritorni e addii – vanta negli ultimi dieci anni la presenza in ben sette stagioni all’ombra della dormiente. Ricordiamo tutti il momento del suo arrivo nel Sannio, quando giunse per sostituire il partente Mordenti nella stagione 2006/2007. Da allora è diventato sempre più una garanzia per i tifosi giallorossi che sono stati abituati a parate di pregevole fattura. Memorabile il rigore parato al Val di Sangro nella sua prima annata. Una prodezza che consentì al Benevento di Simonelli di alimentare i sogni primato che, però, fu conquistato dal Sorrento con un solo punto di vantaggio. Incredibile anche quella contro il Foggia nella sfida play off 2008/2009, quando tolse letteralmente dalla porta il pallone del possibile vantaggio rossonero. Nella stagione 2010/2011 c’è stato il passaggio alla Nocerina per poi tornare a gennaio del campionato successivo perché voluto fortemente dal compianto Carmelo Imbriani. Gori ha militato in giallorosso fino al gennaio del 2014, quando la società guidata da Vigorito trovò un accordo con la Salernitana.

Nella scorsa estate il secondo ritorno all’ombra dell’arco di Traiano gli ha permesso di ottenere un importante traguardo nella storia del sodalizio sannita: l’ingresso tra i primi tre giallorossi più presenti in assoluto. Al primo posto c’è Graziano Iscaro con 254 gettoni. Al secondo Stefano Mastroianni a quota 230 e al terzo proprio Ghigo Gori a quota 197*. All’estremo difensore giallorosso manca pochissimo per entrare nell’Olimpo del club di via Santa Colomba con il raggiungimento delle 200 presenze che attesta il suo particolare feeling con la casacca della Strega. Gori, però, cerca altro e ha promesso che prima di chiudere la carriera farà il possibile per conquistarlo. Per il momento il dato certo è che tra voli e grandi parate il Benevento ha ritrovato il suo “Batman”.

*fonte Aic. Sono escluse le presenze in Coppa Italia