Gladiatori u.20, pronti per la trasferta trevigiana

180

logo-Gladiatori-SannitiStà terminando con grande serenità e concentrazione la lunga settimana di preparazione in vista del match che i Gladiatori Sanniti affronteranno domenica 1° maggio ore 12:30 a Treviso contro la Benetton, (arbitra il Sig. Navarra di Udine), valevole per i barrage per l’accesso alle semifinali scudettodi categoria. L’altra partita vede affrontarsi il Petrarca Padova e il CZ Rovigo.  Le due squadre già qualificate per le semifinali sono i Crociati Parma e la Rugby Lazio. Tutto è filato liscio, con l’intera rosa che si è allenata regolarmente agli ordini di Alberto Follo e Daniel Bianco. Tutti sono consapevoli che il vero traguardo è stato già raggiunto, con la conquista della partecipazione al prossimo campionato nazionale di categoria, traguardo raggiunto la scorsa settimana con la vittoriosa partita giocata a Roma contro il Rugby Milano. E’ anche vero che la partita deve essere ancora giocata, e anche se la squadra veneta sulla carta è superiore a quella sannita, non è detto che non si possa verificare il “miracolo”. Il vero problema per mister Follo e company e l’impossibilità di poter schierare alcuni elementi che normalmente danno una mano in prima squadra. Per la partita contro il Rugby Milano, mister Fragnito d’accordo con la società ha rinunciato a tutti gli elementi under 20, andando a giocare a Riviera del Brenta con gli uomini contati. Questa volta sembra esserci qualche perplessità sulla volontà della società di “prestare” gli under alla juniores per la trasferta di Treviso, in qunto la prima squadra sarà impegnata nella difficile trasferta a Piacenza, dove capitan Valente e compagni cercheranno di conquistare almeno il punto bonus. Cosa dire, sicuramente la situazione della prima squdra è perciolosa da un punto di vista di classifica, ma è pur vero che c’è da difendere, nella partita di Treviso, l’orgoglio di un’intero movimento. Bisogna comunque rispettare le decisioni che prenderà la società, ha dichiarato Alberto Follo, e siamo sicuri che la scelta più giusta verrà fatta. In cuor mio spero di poter schierare la migliore formazione, e sicuramente chi scenderà in campo lo farà per dare il massimo, senza pensare a null’altro. La partita contro la Benetton è difficile ma non impossibile, infatti i trevigiani nel loro girone di qualificazione hanno subito più di una sconfitta, dimostrando di non essere invincibili. Bisognerà lottare dal primo all’ultimo minuto, senza mai abbassare la guardia, e soprattutto senza commettere errori.

CONDIVIDI