FC Avellino risponde alla Forza e Coraggio sui fatti del ‘Roca’

90

FC Avellino risponde alla Forza e Coraggio sui fatti del ‘Roca’
In riferimento alla nota della società Forza e Coraggio, diffusa alla stampa a mezzo comunicato, in riferimento ad episodi accaduti al “Roca” si precisa che la società Football Club Avellino ha accolto la dirigenza ospite con cordialità e cortesia. 
fc avellinoIn particolare, fino alla fine della partita e soprattutto dopo, nello spazio antistante gli spogliatoi, i dirigenti ospiti si sono intrattenuti con tranquillità a dialogare con i dirigenti ed i tesserati locali.

Eventuali episodi accaduti sugli spalti non sono astrattamente collegati e collegabili alla dirigenza ed alla società Football Club Avellino che, anzi, si è adoperata per riportare la calma quando i calciatori ospiti si sono asserragliati sotto la tribuna, provocando la sospensione della gara per circa 7 minuti.

Si chiarisce che anche l’invasione di campo da parte di un dirigente della Forza e Coraggio, che ha addirittura scavalcato la recinzione tra spalti e campo durante la gara, non è stata in alcun modo stigmatizzata e strumentalizzata da parte della scrivente società.

Strumentalizzazione che, invece, appare di palmare evidenza, al fine di creare un’eco mediatica, quando ci si riferisce a “fatti successi proprio nella terra del presidente Sibilia”.

L’FC Avellino condanna e condannerà sempre ogni episodio di violenza sui campi da gioco, a prescindere se avvenga in terra irpina o non e, in questo, si unisce all’appello della Forza e Coraggio, che chiede l’installazione di telecamere a circuito chiuso nelle strutture sportive al fine di debellare ogni episodio che fa male al calcio.

Ad ogni modo, però, la società Football Club Avellino prende le distanze e condanna la parte delle dichiarazioni della Forza e Coraggio in cui si afferma che, altrimenti, la dirigenza non sarebbe uscita incolume dall’impianto, perché tale dichiarazione non corrisponde al vero.

A tal proposito si ricorda alla società beneventana che i giocatori che abbandonano il campo per andare sotto la tribuna a fare non si sa cosa, invece di pensare a giocare a calcio, ed un dirigente che dagli spalti invade il campo di gioco, non è proprio uno spot sano per il calcio, ma da parte dell’FC Avellino, si ribadisce, non c’è stata alcuna strumentalizzazione, anzi si è accettato con sportività il risultato del campo.

[Ufficio stampa  FC Avellino]