Emozioni che restano nel cuore

293

Atletico Foglianise -  GiovaniTra una partita di Coppa del Mondo, un semplice torneo amatoriale o una partita tra amici in strada non c’è differenza, quando succede qualcosa che resterà a lungo nei tuoi ricordi esoprattutto nel tuo cuore.

E’ quello che accade Domenica 4 Marzo, al campo sportivo di Foglianise. E’ la terza giornata di ritorno del Campionato Provinciale Giovanissimi e l’Atletico Foglianise affronta i pari età della Scuola Calcio Iannucci. In perfetto orario l’arbitro dà inizio alla partita. Si vede subito che gli ospiti sono venuti a Foglianise per fare bottino pieno e continuare la rincorsa alla capolista S.C. Valle Telesina, ma di contro i giovani rosanero, catechizzati a dovere dai mister Francesco e Martino Della Mura, fanno capire fin dai primi minuti che daranno del filo da torcere agli avversari. In fin dei conti, pur non avendo sogni di primato, i foglianesari sono al terzo posto in classifica ed il loro intento è giocarsela. Il pallino del gioco è quasi sempre in mano agli ospiti, ma i padroni di casa chiudono bene gli spazi e, appena possono, ripartono in contropiede. La partita è un susseguirsi di capovolgimenti di fronte, fino al 90°. I giocatori ormai dimostrano segni di stanchezza, ma dalle due panchine si sentono gli incitamenti dei rispettivi tecnici, che invitano i ragazzi a tirar fuori le ultime riserve d’aria nei loro polmoni e a continuare a correre. La gara è agli sgoccioli, siamo nei secondi finali. L’arbitro assegna un calcio d’angolo agli ospiti. Nella testa di giocatori e tecnici mille pensieri: c’è chi pensa che ormai sia finita, chi ha paura di perdere e chi pensa di poterla ancora vincere questa partita. Il tecnico della scuola calcio Iannucci invita il proprio portiere ad abbandonare la porta per posizionarsi, insieme a tutta la squadra, nell’area avversaria e cercare il goal. La palla parte dal corner, ma la difesa rosanero la ricaccia fuori dalla zona pericolosa; altri due tocchi e finisce tra i piedi dell’attaccante Saverio Ciotta, che si invola verso la porta sguarnita e, dopo dieci metri di corsa, come dice il noto cronista Raffaele Auriemma, “SI GONFIA LA RETE…SI GONFIA LA RETE!!”. Tutti i ragazzi dell’Atletico Foglianise corrono ad abbracciarsi tra di loro, consapevoli che il goal non è di chi la mette dentro, ma è frutto di un lavoro di squadra. E così anche tutta la panchina si riversa in campo ed è un esplosione di gioia. Gli ospiti vorrebbero recuperare lo svantaggio, ma c’è solo il tempo di battere la palla al centro. L‘arbitro, infatti, decreta la fine dell’incontro e deflagra l’esultanza dei giovani di Foglianise. I ragazzi sono ultra felici e gioiscono per una vittoria conquistata nel finale contro l’ottima squadra della scuola Calcio Iannucci, ma appena negli spogliatoi, Mr. Francesco, coerente al suo equilibrio, così come invitava a non abbattersi dopo le sconfitte più dure, ora dice ai suoi ragazzi di non esaltarsi, perché oggi è capitato a loro di vincere all’ultimo minuto, ma un domani potrebbero ritrovarsi a ruoli invertiti. Quello che conta, in entrambi i casi, è di uscire dal campo consapevoli di aver dato tutto, di aver provato a vincere. Anche se l’obiettivo cardine è il divertimento, comunque si gioca per vincere. Lo fa il bambino quando gioca a nascondino, lo fanno gli amici quando si sfidano a carte. Può succedere che si perde, però l’importante è giocarsela, sudare per cercare di raggiungere l’obiettivo. La vita, in fin dei conti, è una partita ed anch’essa va giocata sempre, fino all’ultimo minuto.

 

DOMENICO INTORCIA

Responsabile Organizzativo – Settore Giovanile Atletico Foglianise

CONDIVIDI