De Matteo: «Daremo il massimo per portare il Rione Libertà in Prima»

87

Secondo posto nella classifica finale del girone B di Seconda Categoria. Terzo in quella marcatori, con 17 centri al proprio attivo. Reti da barattare volentieri per rendere un’annata positiva in qualcosa di memorabile e indimenticabile. Felice De Matteo sognava da tempo una stagione del genere e adesso che la Prima Categoria è lì a un passo, la voglia è quella di coronare un desiderio riposto gelosamente nel cassetto dei desideri fin dal suo approdo al Rione Libertà. Di strada ne hanno fatta tanta insieme, l’ex enfant prodige nel frattempo è diventato uomo ma soprattutto è diventato il capitano dei giallorossi che attendono di vivere il derby più importante per scrivere la storia.

Primo ostacolo superato, quali sono state le difficoltà con il Circello?

De Matteo calciaLa prima difficoltà, senza dubbio, è stata rappresentata dal primo vero caldo della stagione. In partita, invece, abbiamo affrontato una buona squadra come il Circello che, secondo il mio punto di vista, è quella che gioca meglio. Giravano molto bene la palla e siamo stati bravi noi a non farli mai arrivare in area, pressandoli subito a centrocampo.

Una finale suggestiva, un derby. Ti aspettavi la vittoria dell’Atletico?

In tutta onestà devo dire di si. Mi aspettavo un successo dei bianconeri perché, come noi, desideravano tanto questa finale.

Partite favoriti per i due risultati a disposizione, che gara ti aspetti?

Non pensiamo a vantaggio di avere due risultati a nostra disposizione. Come abbiamo fatto contro il Circello, infatti, cercheremo solo di dare il meglio di noi nell’arco dei novanta minuti o, eventualmente, fino al termine dei supplementari.

Chi o cosa temi della formazione di Ricciolino?

L’Atletico ha molti giocatori di esperienza e soprattutto ha Verdicchio che può far male in qualsiasi momento della gara. Arrivati a questo punto, però, non c’è bisogno di temere nessuno. In finale sono arrivate le squadre più forti, siamo consapevoli della nostra forza e, come contro il Circello, sono convinto che il gruppo farà la differenza, in campo ci aiuteremo uno con l’altro.

Da capitano del Rione hai un appello da fare?

Era da anni che non si respirava quest’aria in città. Spero che il “Meomartini” sarà invaso da sportivi, soprattutto perché da parecchio tempo non si vedono partite del genere. Da parte nostra faremo il massimo per portare il nome del nostro quartiere in Prima Categoria.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.