Cragno non è solo: un’altra big rischia di perdere un pezzo da novanta

291

Piove sul bagnato non solo in casa Benevento. L’infortunio di Cragno (clicca qui) è arrivato come un fulmine a ciel sereno ma i giallorossi non sono gli unici a dover fare a meno di una pedina fondamentale per l’immediato futuro. A Verona, infatti, in molti trattengono il fiato per il problema cervicale che affligge Giampaolo Pazzini.

Il capocannoniere del campionato, dopo aver saltato la sfida contro l’Ascoli, sarà costretto a dare forfait anche contro la Pro Vercelli. Una cattiva notizia per Pecchia che senza il suo bomber principe ha vinto solo contro l’Avellino, raccogliendo poi tre sconfitte e un solo pareggio.

L’incidenza dell’attaccante ex Sampdoria e Fiorentina sulla stagione degli scaligeri è notevole. Proprio per questo nessuno vuole credere all’ipotesi paventata di un possible mese di stop. Il giocatore, nel frattempo, ha iniziato a sottoporsi a delle terapie specifiche, ma le sue condizioni andranno monitorare di giorno in giorno e per il momento non è ipotizzabile fare previsioni su un ritorno in campo.

La speranza in casa Verona è quella di riavere Pazzini a disposizione già domenica 26 marzo, quando al “Bentegodi” arriverà il Pisa di Gennaro Gattuso. Al momento, però, quella gialloblu è per l’appunto una semplice speranza da condividere con il timore di dover rinunciare a un pezzo pregiato nella corsa alla serie A.

  • Foto di Francesco Grigolini, fonte Facebook
CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.