Si chiude con una sconfitta la stagione della Tipografia Graziano Volley

10

Si è conclusa con una sconfitta per 3-1 sul campo dell’Asd Cava dei Tirreni il campionato di Serie C di pallavolo femminile della Sg Volley ’97 Tipografia Graziano.
Le due squadre sono scese in campo con la testa sgombera da ogni assillo di classifica e, quindi, con l’unico obiettivo di congedarsi al meglio dal torneo e dare la possibilità a chi ha giocato meno di mettersi in mostra.
E’ stata una bella partita, giocata davanti ad un numeroso pubblico giunto per salutare le beniamine di casa.
Una gara combattuta con ottime trame di gioco, dove entrambe le compagini hanno dato spazio all’intera “rosa” a disposizione.
Ottimo l’approccio alla partita delle ragazze dei mister Alessandro Iarrobino e Raffaella Pericolo, che si sono aggiudicate il primo set in modo abbastanza netto per 25-16 ma, come spesso accaduto dall’inizio dell’anno, hanno subito il ritorno delle padrone di casa nei giochi successivi (25-19, 25-22, 25-21) peccando, soprattutto, nei finali dove è mancata quella cattiveria agonistica che, probabilmente, avrebbe potuto portare a risultati diversi.
Nonostante la sconfitta, molte sono state le note liete della giornata, ad iniziare dalla buona gara di Nadia Gnerre che, nonostante fosse alla sua prima partita da titolare come palleggiatrice nel campionato di Serie C, ha offerto una prestazione veramente buona.
Bene anche le altre Under 18 utilizzate, ad iniziare dalle “veterane” Federica Nardone ed Annalisa Zuccaro per concludere con Maria Luisa De Napoli che, dopo l’esordio della scorsa settimana, si è fatta valere non subendo affatto la pressione e la tensione della partita.
La Sg Volley ’97 Tipografia Graziano ha chiuso questa stagione tormentata comunque a testa alta, nonostante le tante, forse troppe vicissitudini che l’hanno contraddistinta.
Un buon gruppo che, nel momento di maggiore difficoltà, è diventato squadra vera ed è riuscito a conquistare quei punti necessari per mantenere la categoria, piazzandosi al decimo posto nel girone.
Concetti, questi, che sono stati espressi, nelle dichiarazioni post-gara, anche da Marianna Amatucci cui è spettato il gravoso compito di sostituire, nel ruolo di capitano, Chiara Lonardo, nell’ultima fase del torneo.
“La sconfitta che abbiamo rimediato qui a Cava, dopo un inizio di partita che, invece, lasciava presagire ben altro – ha detto – ha, comunque, un sapore meno amaro del solito data la salvezza, ormai certa, portata a casa già da qualche settimana.
Sono contenta per le buone prestazioni di alcune ragazze del nostro settore giovanile, Gnerre e De Napoli, le quali sono state particolarmente positive.
Hanno avuto, infatti, nonostante l’inesperienza, un buon approccio alla partita.
Si conferma, dunque, l’ottimo lavoro fatto con le giovani atlete da parte della società.
D’altronde, anche i risultati ottenuti, come la vittoria nel torneo Under 18 del neonato Comitato provinciale Irpinia-Sannio, ne sono una testimonianza diretta.
Tornando alla prima squadra, è tempo, ora, di bilanci.
E’ stata una stagione tormentata da troppi e vari imprevisti, su tutti l’assenza di Chiara Lonardo, il nostro capitano, nonostante i quali l’organizzazione societaria di base, la grande forza di volontà e l’attaccamento alla maglia, da parte delle atlete, hanno consentito di superare momenti particolarmente difficili che si sono verificati durante questo percorso.
Tutte queste componenti, messe insieme, hanno permesso di raggiungere l’obiettivo della salvezza con tre giornate di anticipo.
La società, per quanto ne possa sapere, comunque, è già in fermento per affrontare al meglio il prossimo campionato di Serie C con prospettive e progetti sicuramente più ambiziosi”.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.