Ceravolo: «Classifica inaspettata, miglioriamola ancora contro il Bari»

81

VERCELLI – Sicuramente il sintetico di Vercelli ci ha messo in difficoltà, campo stretto e rimbalzo diverso del pallone, nel secondo tempo è andata meglio.

FORMAZIONE – Il mister non dice mai la formazione fino a un’ora prima della partita, avevo capito però che mi voleva far rifiatare visto che mi ero allenato poco in settimana. Pensavo di entrare nell’ultima mezz’ora, poi Pajac ha avuto il problema alla caviglia e sono entrato prima.

BARI – Sappiamo che rispetto all’andata troveremo un Bari diverso, molto cambiato dal mercato di riparazione. Viene da un bel momento, ma anche noi, in casa poi, abbiamo la nostra forza e vogliamo ottenere un risultato positivo perché il nostro obiettivo è vincerle tutte. Siamo pronti per questo bel match, credo che a questo punto sia una delle partite più interessanti che giocheremo. Hanno un’altra gamba, un’altra mentalità, giocatori provenienti da categoria superiore. Sapremo comunque affrontarli nel migliore dei modi.

CONDIZIONE – Ora sto bene, il fatto che sia uscito prima in alcune partite è solo dovuto a un dispendio di energie, dovrò gestirmi meglio ma è chiaro che quando si entra in campo la parola gestione non esiste, bisogna dare sempre il tutto per tutto. Ben venga uscire venti minuti prima della fine e vincere.

LUCIONI – E’ un leader indiscusso, sicuramente ci mancherà, è qui da tanti anni, conosce l’ambiente ed è un valore aggiunto. Chi prenderà il suo posto farà altrettanto bene, il nostro gruppo è unito soprattutto in queste situazioni.

GOL- Al di là della doppia cifra, 10-12 gol, a me interessa raggiungere l’obiettivo con tutta la squadra, è chiaro che se l’attaccante fa più gol vive più sereno. Ho una scommessa con il mister di raggiungere quota 15, altrimenti poi non mi richiama più (sorride).

CLASSIFICA – Non guardiamo la classifica dopo ieri sera, fa piacere essere rimasti in alto e anche il fatto che ora le altre squadre ci rispettano, non siamo più una sorpresa. Abbiamo visto i grandi titoli dei giornali, ma preferiamo vederli a fine campionato. Peccato che mancano ancora diverse gare, nessuno avrebbe mai immaginato a questo punto di essere lassù.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.