Carpi-Benevento, per quattordici è allarme rosso

477

Saranno i dettagli a fare la differenza tra Carpi e Benevento. Se in campo potrebbero pesare, ad esempio, le palle inattive come ormai spesso accade, a incidere sull’esito del doppio confronto potrebbero essere anche le assenze. In casa giallorossa mancherà per squalifica Puscas e Baroni attende di sapere se potrà o meno fare affidamento su Ceravolo. Appare però difficile il recupero della Belva almeno per la sfida di andata, in programma domenica sera al “Cabassi“.

Restando in termini di attaccanti, sul fronte emiliano hanno tirato un bel sospiro di sollievo alla lettura del comunicato del giudice sportivo. Mbakogu non è stato infatti sanzionato per l’esultanza post gol di Letizia al “Matusa”. Le autorità competenti non hanno ritenuto opportuno utilizzare la prova televisiva per il giocatore rientrato a gennaio in biancorosso dopo la breve parentesi russa. Erano invece attesi gli stop di Struna e Gagliolo, espulsi contro il Frosinone e fermati per un solo turno. Entrambi torneranno dunque a disposizione per il match di ritorno in programma giovedì al “Ciro Vigorito“.

Partita alla quale rischiano di non partecipare ben quattordici calciatori, equamente divisi tra le due sfidanti. L’elenco dei diffidati di Benevento e Carpi è infatti abbastanza lungo, comprendendo ben sette unità. Tra i giallorossi sono a rischio squalifica Cragno, Lucioni, Gyamfi, Chibsah, Eramo, Melara e Falco. Non può certamente sorridere Castori: Poli, Belec, Letizia, Bianco, Lollo, Mbaye e Jelenic dovranno evitare una pesante ammonizione. Questione di dettagli, quelli che alla fine finiscono per fare la differenza.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.