Calcioscommesse, arrivano altre batoste

511

PALLONE GARA1

E’ ormai un vero e proprio ping pong quello tra calcio giocato e giustizia sportiva. Un altro piccolo terremoto va a scombussolare i piani e le classifiche di diverse società di Lega Pro. Il Tribunale Federale Nazionale ha infatti ufficializzato la sentenza relativa al procedimento istruito dalla Procura Federale sul filone di Catanzaro relativo al Calcioscommesse.

L’esito per alcuni club è a dir poco traumatico. Nel girone C di Lega Pro sono stati inflitti 3 punti di penalizzazione all’Akragas, ma le vere batoste riguardano le compagini dei gironi A e B, ovvero L’Aquila (penalizzata di 13 punti), Pro Patria (-7), Santarcangelo (-6) e Savona (-2). proprio i liguri, che stanno attraversando un gran periodo di forma (leggi qui) si vedono togliere ulteriori punti dopo la penalizzazione di -12 con cui hanno iniziato il torneo. Tra i Dilettanti punite Neapolis (-22), Puteolana (-4), Sorrento (-4), Sef Torres (-2) e Vigor Lamezia (-2). Sono state prosciolte le società Aversa Normanna, Cremonese, Due Torri, Fidelis Andria, Grosseto, Livorno, Monopoli, Pavia, Prato, Scafatese e Tuttocuoio.

Infine, comminate ammende nei confronti di società e inibizioni e squalifiche nei confronti dei singoli tesserati. Stralciata la posizione di Massimiliano Carluccio, della società Barletta e dell’Aurora Pro Patria limitatamente alla posizione di Carluccio; dichiarato il difetto di giurisdizione nei confronti di Alessandro Magni; rimessi alla Procura Federale gli atti relativi a Gianmarco Ingrosso.

Francesco Carluccio