Lo sfortunato Brighi: «Ci vorranno dei giorni per smaltire la delusione»

391

Non ricorderà certo con piacere la semifinale col Benevento Matteo Brighi. Eliminazione e soprattutto infortunio muscolare per l’esperto centrocampista del Perugia, costretto a chiedere il cambio nella prima frazione di gioco.

«Purtroppo mi sono fatto male, il cambio è dovuto a quello», spiega lo stesso giocatore biancorosso a termine della partita, «siamo abbattuti, ci vorranno un paio di giorni per smaltire la delusione. Mister Bucchi, nonostante la sconfitta, ha fatto i complimenti a tutti».

Tanta l’amarezza in casa Perugia. La società del presidente Santopadre credeva fortemente nella promozione. «C’erano tutti i presupposti per arrivare in finale. L’episodio che ci ha condannato è stato quello dell’andata perché stasera la nostra partita l’abbiamo fatta. Nel primo tempo non abbiamo creato molto ma sapevamo in cuor nostro che la matassa della gara si sarebbe potuta sbrogliare. Dopo l’uno a zero la gara è inevitabilmente cambiata».

Sul futuro, infine, Brighi è chiaro: «La base per ripetersi è l’allenatore, anche se le voci di mercato sono tante. Siamo arrivati a una sola partita dalla finale, i presupposti per migliorare ci sono».

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.