Bonacini smorza i toni dopo Frosinone e crede nel suo Carpi

327

I fatti di Frosinone hanno avuto un eco notevole. In casa Carpi, il giorno dopo l’impresa compiuta in nove uomini, non c’è alcuna voglia di fare polemiche. E’ quanto traspare dalle dichiarazioni del presidente emiliano Stefano Bonacini. Il numero uno biancorosso ha rilasciato un’intervista a Davide Setti, pubblicata questa mattina sulle colonne del Resto del Carlino.

«Quello che è accaduto lunedì sera è stato dettato dal delirio del momento. Non voglio giustificare nessuno, ma tutti possono sbagliare, arbitri, giocatori, società e dirigenti. L’unica certezza è che abbiamo fatto qualcosa di impossibile. Ma è anche vero che al momento non abbiamo fatto ancora nulla», sono le parole del massimo dirigente del Carpi, «affronteremo in finale una squadra che ci è arrivata davanti e dobbiamo tenere la guardia alta. Conosco bene questi ragazzi e ogni volta sanno alzare l’asticella. Ovvio che abbiamo speso tante energie fisiche e mentali e che arriviamo carichi di squalifiche e diffide, sarebbe però stupido pensare di aver già tagliato il traguardo. La squadra sta bene, viene da 7 punti in 3 gare dei play off. Adesso però è il momento di azzerare e rimettersi a correre come facciamo sempre».

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.