Benevento – Pisa. Dalla sala stampa.

240

Dino Pagliari, allenatore del Pisa.

Non è un risultato giusto perché fino al 90′ vincevamo noi 1-0. Ma come è ovvio che sia lo accettiamo. Penso che faccia rabbia un po’ a tutti subire un pareggio all’ultimo minuto.
Noi guardiamo sempre gli avversari cercando di trovare punti deboli, penso che tutte le squadre abbiano debolezze tattiche, le mancanze ce l’abbiamo noi, e ce le hanno anche gli altri.
Il Benevento ha avuto molte occasioni non sfruttate, dite bene, però anche noi ne abbiamo avute. Sono stati bravi quelli del Benevento per averci pareggiato.

carboni_bn_sa

Guido Carboni, allenatore del Benevento.

E’ un momento che non gira molto bene, dobbiamo essere equilibrati nelle valutazioni, la squadra ha fatto quello che poteva. Ho contato almeno cinque palle gol, abbiamo subito un solo tiro in porta in tutta la partita e abbiamo preso gol. La partita l’abbiamo ripresa per i capelli, il Benevento può fare di più.
Il Pisa aveva preso solo un gol fuori casa finora, si chiude bene, e non è stato facile scardinare la difesa.
Non è che un risultato cambia il giudizio del quadro generale, io devo restare sereno. Ora rientreranno diversi giocatori importanti, faccio il nome di Mengoni.
Un po’ preoccupato lo sono, vedo le nostre partite, vedo le ultime tre partite della squadra avversaria, e noto che siamo una squadra che crea, ma che subisce anche qualche cosa.
Ho grande fiducia nella squadra, questo non è in discussione. Il bilancio delle occasioni non ci dà ragione, ma non deve diventare un alibi; speriamo che i nostri attaccanti si sblocchino.
Io ora sono dispiaciuto per non ottenere quello che in parte meritiamo. Siamo una squadra che sta lottando, ci pesa il non arrivare ad una vittoria, ed ora dobbiamo andare a giocarcela a L’Aquila con un’altra compagine che sta andando molto bene.
Questo punto del pareggio deve essere un punto di partenza.

Zanon ha avuto un trauma, è uscito senza conoscenza. Poi abbiamo perso per la prossima anche Signorini per l’espulsione. Devo dire che su questo versante neanche ci gira bene.
Non vedo qualcuno che si tira indietro, sia durante la settimana che in partita, si impegnano tutti senza distinzione, Ferretti è entrato senza riscaldarsi e si è impegnato molto, anche Vacca, anche Di Piazza.
Questa squadra è destinata a crescere, ne sono convinto. Lavoreremo, incasseremo qualche critica, ma questo qui è un campionato molto equilibrato quindi speriamo di passare quanto prima questo momento poco redditizio riguardo i punti.
Mi dispiace che in difesa siamo in emergenza ogni domenica, una volta un giocatore, una volta un altro. Speriamo che quello di Zanon non sia un infortunio serio, aspettiamo notizie e vediamo la prossima settimana.

Noi siamo una buona squadra, e quanto prima ci regaleremo diverse soddisfazioni. Ne sono certo.
Credo che nessuno possa imputare poco impegno ai miei giocatori.

 

Matteo Di Piazza, attaccante del Benevento.

Dare una mano alla squadra è da quando sono arrivato il mio obiettivo principale, spero di riuscirci ora che sono pienamente recuperato.
Penso che siamo sfortunati, loro un tiro un gol, non si tratta di mentalità.
E’ normale che tutte le domeniche, quando non arrivano risultati, poi si sia arrabbiati.
Affronteremo la partita di sabato prossimo, come tutte le partite. Sono tutte partite difficili, L’Aquila è un’altra squadra che sta andando forte in questo campionato.

José Montiel, trequartista del Benevento.

Nel gol del pareggio avevo intenzione di metterla forte in mezzo, per fortuna nostra la palla è entrata per una disattenzione del portiere. Ci tenevo al pareggio, vedo la parte positiva della partita, ovvero che non abbiamo perso e abbiamo preso un punto.
Oggi abbiamo fatto una partita buona, e dal mio punto di vista oggi siamo stati un bel po’ sfortunati.
Io credo che psicologicamente stiamo bene, sia io che i miei compagni non abbiamo paura di giocare a calcio, credo che paura non ce ne sia affatto.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.