Benevento – Paganese 1-0. Il gol vittoria è di Mattera!

246
mattera
mattera

Rete: 84′ Mattera.

Benevento (3-4-3): Gori; Mattera, Lucioni, Mucciante; Melara, Del Pinto, Cruciani, Mazzarani (67′ Som); Ciciretti (11′ Di Molfetta), Marotta, Mazzeo (46′ Cissè).
A disp.: Piscitelli, Pezzi, Bonifazi, Troiani, Bianco, Porcaro, Padella, Campagnacci.
All.: Auteri.

Paganese (4-2-4): Marruocco; Palomeque, Rosania, Sorbo, Esposito (75′ Bocchetti); Guerri, Carcione; Caccavallo (22′ Berardino), Deli, Martiniello (59′ Gurma), Cunzi.
A disp.: Esposito, Dozi, Magri, Grillo, De Feo.
All.: Grassadonia.

Arbitro: Sig. Enzo Vesprini della sezione AIA di Macerata.
Assistenti: Sigg. Alberto d’Alberto della sezione AIA di Teramo e Giuseppe Antonacci della sezione AIA di Barletta.
Ammoniti: 84′ Mattera (B).
Espulso: 30′ Grassadonia (allenatore della Paganese) per essere uscito dall’area tecnica.
Angoli: 6-2 (Pt 5-1).
Recupero: Pt 3′, St 4′.
Spettatori: 2.719 (1.054 paganti, 1.665 abbonati).

Tre punti preziosi quelli derivati dalla rete sul finire di partita di Mattera, rete che porta il Benevento alla quarta vittoria casalinga consecutiva (Benevento-Messina della prima giornata finì 0-0).
Dopo il buon risultato di mercoledì in coppa italia Lega Pro, i giallorossi danno quindi continuità a quella vittoria, rivelandosi una vera e propria macchina da punti in casa (in trasferta una sola vittoria, due pareggi e due sconfitte).
Il Benevento ha avuto di fronte una squadra, la Paganese, ben messa in campo e che in diverse occasioni ha messo in difficoltà la retroguardia giallorossa, recriminando inoltre, a ragione, su un calcio di rigore non assegnato al 67′ per un fallo di Del Pinto su Cunzi (forse il migliore dei suoi); fallo per il quale l’arbitro Vesprini, vicino all’azione in causa, non ha nemmeno ammonito per simulazione il giocatore ospite, cosa che di solito accade quando non si assegna la massima punizione davanti ad azioni simili. Molto all’inglese l’arbitraggio del direttore di gara marchigiano, visto che ha cacciato il cartellino giallo solo in un’occasione, ovvero quando Mattera dopo la rete della vittoria ha esultato togliendosi la maglia.
Ma diamo un’occhiata alle azioni più salienti della partita.

Inizia bene il Benevento con Marotta  che al 4′ prova la conclusione in porta di destro, ma la palla finisce a lato a fondo campo. All’8′ Ciciretti dal limite prova un tiro a giro di sinistro che finisce però alto in curva. La prima occasione per la Paganese arriva al 9′ con Cunzi che non trova affatto la porta con un tiro che finisce abbondantemente a lato. Un minuto più tardi ci prova Deli dalla distanza, con Gori che blocca a terra.
Ghiotta possibilità per i padroni di casa al 13′: cross di Melara dalla destra e testa di Marotta con la palla che colpisce la traversa e finisce poi fuori.
La Paganese al 15′ va in contropiede su un errore difensivo di Mucciante, in tre contro due Deli prova egoisticamente il tiro che è debole e Gori para in due tempi.
Ritorna in cattedra il Benevento al 23′ con un sinistro dal limite di Mazzeo, il portiere ospite Marruocco respinge con i pugni la conclusione insidiosa.
Un’ altra parata di Marruocco arriva al 29′, sempre di pugno, ma questa volta il tiro è di Di Molfetta, sempre una conclusione sinistra.
L’ultima occasione importante della prima frazione arriva al 43′ con un diagonale destro di Di Molfetta che colpisce la base del secondo palo, sulla ribattuta Cruciani (che aveva servito Di Molfetta) non riesce a prendere la mira e calcia fuori.

La ripresa inizia con la migliore occasione di tutta la partita per la Paganese: al 47′ Cunzi si incunea in area provenendo dalla sinistra, e con un destro mirato sul secondo palo sfiora la rete con Gori che non avrebbe potuto nulla visto che era proteso verso il basso aspettandosi una conclusione rasoterra.
Al 50′ il terzo palo per i padroni di casa: destro di Mazzarani dalla distanza, incrocio dei pali pieno con Marruocco impotente sulla conclusione.
Al 58′ ci riprova Deli dalla distanza: Gori blocca senza problemi a terra. Un minuto dopo azione simile con Di Molfetta e Marruocco.
Al 65′ destro di Marotta ma Marruocco para in tranquillità, non c’era forza nella conclusione.
Al 70′ Marotta serve Cissé dal limite, quest’ultimo calcia in porta di prima, ma il destro rasoterra finisce un paio di metri a lato della porta della Paganese.
L’ex della partita, Carcione, dalla sinistra ci prova su punizione al 72′, ma il tiro è telefonato e Gori para e fa ripartire l’azione dei suoi.
Al 75′ ancora Marotta che a conclusione di un’azione orchestrata dalla squadra calcia in porta con Marruocco che si tuffa ma non ci arriva, il tiro però finisce di poco alto sulla traversa.
All’83’ la rete del vantaggio dei padroni di casa: punizione dalla sinistra di Cruciani, palla in area deviata da Cissé sul secondo palo, sulla sfera si avventa come un falco Mattera che di punta destra spedisce in rete da brevissima distanza, è l’1-0!

Dopo il gol di Mattera, oltre alla sua ammonizione per essersi tolto la maglia, non avviene niente di così importante e i quattro minuti di recupero finali, servono al Benevento giusto per perdere tempo.
Con questa vittoria il Benevento si porta quindi a 17 punti in classifica (1 di penalizzazione) a due punti dal Messina primo in classifica, ma in attesa dei posticipi di Casertana e Lecce.

 

Alberto De Toma

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.