Padroni del nostro destino ma serve un ultimo sforzo. Play off sicuri se…

362

Il peggio è passato. La vittoria contro il Frosinone consente al Benevento di tornare a essere padrone del proprio destino. Adesso i giallorossi non dovranno dipendere da nessuno se vorranno regalarsi il sogno play off, ma contro il Pisa occorrerà un ultimo e decisivo sforzo. Battendo la formazione di Gattuso giovedì prossimo, i ragazzi di Baroni sarebbero certi di pendere parte agli spareggi. In caso contrario, invece, la Strega dovrebbe sperare in combinazioni favorevoli su altri campi (si giocherà in contemporanea alle 20:30) per non terminare anzitempo la propria stagione.

Ammesso che il Frosinone batta la Pro Vercelli nell’ultimo turno di campionato, servirà che almeno una tra Benevento, per l’appunto, Cittadella (a Chiavari con l’Entella) o Perugia (in casa contro la Salernitana) ottenga i tre punti. Per evitare i play off e salire direttamente in A, invece, ai ciociari rimangono due possibilità: vincere e sperare nella concomitante caduta delle tre inseguitrici o scavalcare il Verona in seconda posizione.

Agli scaligeri, però, basterà un punto contro il Cesena per festeggiare il ritorno nella massima serie. In caso di arrivo a braccetto, la truppa di Pecchia avrebbe il vantaggio degli scontri diretti col Frosinone, superato 2-0 all’andata e vittorioso al ritorno per 1-0. Lo stesso Verona si potrebbe ritrovare incredibilmente ai play off se dovesse perdere in Romagna. Calcoli di cui il Benevento farebbe volentieri a meno adesso che è tornato a essere padrone del proprio destino.

Benevento-Frosinone 1-0

Reti: 43’pt Puscas (B), 12’st Ciofani (F), 48’st Ceravolo (B)

Benevento (4-4-2): Cragno; Gyamfi, Padella (29’st Pezzi), Lucioni, Venuti; Melara (43’st De Falco), Viola, Del Pinto, Eramo; Puscas (32’st Pajac), Ceravolo. A disp.: Gori, Ciciretti, Cissé, Falco, Brignola, Matera. All.: Marco Baroni

Frosinone (3-5-2): Bardi; Krajnc, Ariaudo (39’st Mokulu), Terranova; Fiamozzi, Sammarco, Maiello, Gori (30’st Soddimo), Mazzotta (4’st Crivello); Dionisi, Ciofani. A disp.: Zappino, Crivello, Russo, Frara, Soddimo, Ciofani, Paganini, Pryma. All.: Pasquale Marino

Arbitro: La Penna di Roma 1

Assistenti: Santoro di Catania e Gori di Arezzo

IV Ufficiale: Saia di Palermo

Ammoniti: 20’pt Fiamozzi (F), 30′ pt Del Pinto (B), 4’st Gori (F), 19’st Venuti (B), 25’st Cragno (B), 43’st Pajac (B)

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.