Benevento-Nocerina dalla sala stampa.

194

gaetano_fontana

Gaetano Fontana, allenatore della Nocerina.

Mi è piaciuto sicuramente lo spirito che ci hanno messo oggi i ragazzi. Bisogna che in campo oltre alla qualità ci sia un atteggiamento che oggi sinceramente ho visto, anche perché essendo una squadra molto giovane, devono riempire questo gap.
I ragazzi si stanno battendo giornata dopo giornata e vogliono dare soddisfazioni ai propri tifosi. Limitati gli errori che abbiamo commesso finora, riusciremo a fare bene.

Le nuove regole del fuorigioco oggi ci hanno penalizzato, sono cose che succedono, e la cosa mi dà fastidio perché ci stanno accadendo spesso.
Questa settimana non è stata tranquilla per noi, che non ci siano retrocessioni non significa che siamo al riparo da eventuali contestazioni, abbiamo comunque una maglia da onorare.
Ai ragazzi ho detto che è finito il tempo degli esperimenti, esperimenti per capire chi di loro è capace ed affidabile per affrontare questa categoria, ai giovani dicono che devono crescere in fretta, soprattutto perché a differenza di molti altri, a loro è stata data una grande opportunità.

Romito venendo a Nocera ha fatto un favore personale a me. E’ arrivato in ritardo di condizione, ma abbiamo bisogno della sua presenza, sia in campo che nello spogliatoio. Oggi ha realizzato una grande prestazione, ma è lo spirito quello che conta.
Devo ringraziare tutta la squadra che mi ha gratificato del lavoro svolto oggi.

Conosco il valore del Benevento, ed è una di quelle squadre che può assurgere a ruolo di protagonista in questo campionato, ha giocatori importantissimi, ma sinceramente oggi ero concentrato sui miei giocatori, e quindi posso dire veramente poco sui giallorossi.

 

Tommaso Romito, difensore centrale della Nocerina.

E’ un caso che siamo andati sotto, subito dopo che sono uscito io. Prendere gol così fa male e non fa dormire bene la notte. Perdere così fa male. Il Benevento ha una rosa attrezzata, ma in campo non ho visto molta differenza, sono gli episodi che la fanno. Il nostro concetto non è quello di pareggiare, o vincere, è di fare la nostra partita.
Oggi credo che ci siamo riusciti, ma come ho detto prima sono gli episodi che poi hanno pesato. Ho pensato addirittura che avremmo potuto vincerla.
Sul gol annullato ad Evacuo io ero in marcatura su di lui, però non riesco a capire perché sia stato annullato, dovrei rivedere le immagini.

 

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.