Benevento – L’Aquila 0-1.

292

benevento_l'aquila

Rete: 92′ De Sousa.

Benevento (4-2-3-1): Piscitelli; Celjak, Mengoni, Padella, Dicuonzo; Davì (66′ Di Deo), Doninelli; Melara, Guerra (69′ Campagnacci), Negro (75′ Mancosu); Evacuo.
A disp.: Baiocco, Milesi, Som, Montiel.
All.: Brini.

L’Aquila (4-3-3): Testa; Pedrelli, Ingrosso, Zaffagnini, Dallamano; Maltese (86′ Agnello), Gallozzi, Del Pinto; Ciciretti (56′ Triarico Tateo), Libertazzi (83′ Inacio Pià), De Sousa.
A disp.: Addario, Scrugli, Angelilli, Vettraino.
All.: G. Pagliari.

Arbitro: Sig. Rosario Abisso della sezione AIA di Palermo.
Assistenti: Sigg. Lorenzo Gori della sezione AIA di Arezzo, e Alfonso D’Apice della sezione AIA di Parma.
Ammoniti: 73′ Di Deo (B).
Angoli: 14-2 (Pt 10-2).
Recupero: Pt 1′, St 4′.

Nei primi venti minuti della prima frazione le due squadre si sono studiate, poi il Benevento, una volta prese le misure mette assieme in dieci minuti diverse occasioni e numerosi calci d’angolo, l’unica azione degna di nota degli ospiti arriva su un rimpallo nei primi cinque minuti, con palla che finisce in corner.
Tra il 24 e il 26 le azioni migliori per i giallorossi: dapprima con Guerra che servito in area da Evacuo, calcia in porta con il portiere Testa che si getta a coprire lo specchio riuscendo a respingere in angolo; e poi con Negro che calcia in porta dal limite, Testa respinge nuovamente e sulla respinta, da fuori area calcia Doninelli con palla leggermente deviata, forse da Evacuo, e Testa si supera rifugiandosi nuovamente in angolo.

Nella ripresa il gioco si affievolisce, entrambe le squadre commettono errori su errori in fase di impostazione, e non riuscendo nemmeno a sfruttarli minimamente. Sugli scudi un tiro potente di destro dai 30 metri di Di Deo, su una palla respinta malamente dalla difesa aquilana, pallone spiovente che però dopo la conclusione del centrocampista giallorosso finisce alto in curva.
A dieci minuti dalla fine Mancosu ci prova con un destro da fuori, la zona è quella alla sinistra dell’attacco giallorosso, ma il trequartista non ha mira e la palla finisce la sua corsa abbondantemente alto.
In pieno recupero arriva la rete che sblocca l’inerzia dell’incontro con De Sousa che si libera in area, e calcia in porta col destro, la palla viene leggermente deviata traendo così in inganno il portiere Piscitelli che si tuffa sul proprio palo, tocca la sfera, ma non abbastanza per impedire la sua corsa in fondo al sacco.
Con sorpresa di tutti, molto probabilmente anche dei giocatori ospiti, la partita finisce con la vittoria de L’Aquila; un risultato che forse sarebbe stato più giusto se fosse finito sullo 0-0.

L’Aquila conquista quindi tre punti fuori casa (confermando l’ottimo ruolino in trasferta) contro una diretta concorrente per i play-off, “blindando” la propria posizione in classifica.
Al Benevento resta quindi l’amaro in bocca per non essere riuscito a sfruttare le diverse occasioni avute soprattutto nella prima parte di gara.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.