Baroni sfoglia l’album dei ricordi e lancia un giallorosso

276

Marco Baroni, tecnico del Benevento, ha rilasciato un’intervista a Viola Week, il settimanale in edicola con La Nazione. Le parole dell’allenatore giallorosso sono state riportate da violanews e ve ne trascriviamo alcuni passaggi.

GLI INIZI – “Una volta Antognoni mi rimproverò perché avevo ritardato a dargli il pallone. Eravamo infreddoliti e non avevo capito gli ordini… Qualche anno dopo ci ridemmo su insieme”.

baroni-3LA SERIE A – A quel tempo era tutto diverso, succedeva che all’improvviso ti dicessero ragazzo, domani vai con la prima squadra. A me successe di venerdì, il sabato ero sul pullman, destinazione Milano. Io, alto 187 centimetri, vi giuro che mi sentivo un nano. Era il 2 maggio, Cuccureddu stava male: De Sisti era tentato dal farmi debuttare titolare, invece entrai a pochi minuti dalla fine“.

IL RAMMARICO – “Collezionai solo una panchina, una ferita che resta ancora aperta. Poi ci fu la gara di Cagliari, ricordo che quella volta ero in camera con Orlandini e il giorno dopo andai in tribuna con Pecci squalificato. Ero un ragazzo, mi sentivo ospite di un gruppo fantastico: la squadra faceva trasparire la consapevolezza di essere alla vigilia di un giorno storico. Conservo ancora nel cuore il ritorno la sera allo stadio. I tifosi ci festeggiarono come se avessimo vinto noi lo scudetto“.

TALENTI – “Chiesa e Bernardeschi? Mio figlio ha giocato un anno con il primo, è un talento puro. Quando un ’97 impatta con qualità e serenità in Serie A significa che davanti ha una carriera da top. Come Bernardeschi, che ha già più storia alle spalle: stiamo parlando di un calciatore fortissimo“.

GIALLOROSSI – “Venuti e Bagadur? Il primo sta andando benissimo, lo ritengo pronto per il grande salto, anche per Firenze. Ma pure Bagadur sta facendo un buon campionato“.

Clicca qui per leggere l’intervista integrale

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista, appassionato di calcio minore e girovago di redazioni. Inizia con il Sannio Quotidiano, passa a Sannio Calcio, torna al Sannio Quotidiano, apre un blog Sannio in campo e infine approda a Sannio Sport. Per la serie "dove c'è Sannio, c'è casa". L'accenno di capelli bianchi non è dovuto all'età ma all'esperienza maturata.