Baroni detta la ricetta per battere il Bari e annuncia un lungo stop

816

VERCELLI – Il sintetico non è mai un campo facile, l’anno scorso ho giocato su un campo sintetico tutto l’anno col Novara, e diventa un vantaggio conoscere la capacità dei rimbalzi della palla. E’ chiaro che quello di Vercelli ci ha un pochino penalizzato nel fraseggio. Era una partita insidiosa, l’abbiamo messa alle spalle e dobbiamo guardare alla prossima.

CAMBI – Stavo quasi mettendo dentro Viola, volevo vincerla, poi ho visto che i due mediani stavano andando bene, con Del Pinto che recuperava tanti palloni e Chibsah che ce la faceva ancora. Quando ho notato che alcuni dei loro giocatori si stavano sfiancando ho provato con Lopez, che avevo visto bene contro il Latina. Meglio provare a vincere che provare a portare avanti i pareggi per smuovere la classifica.

CISSE’ – Ha la concretezza nella giocata, va sempre a puntare la porta, non è uno che si allarga. Nell’azione del rigore quella palla poteva prenderla se non veniva buttato giù.

ASSENTI – De Falco e Padella sono ancora assenti, per quanto riguarda Eramo dalla prossima settimana credo rientri in gruppo, o perlomeno farà una settimana di lavoro di avvicinamento. Purtroppo abbiamo avuto questa tegola non indifferente di Puscas, un giocatore, un attaccante che ci viene a mancare per il modulo che facciamo; ha dovuto fare una pulizia del menisco e ne avrà per 4-5 settimane. Pajac ora sta bene, ha patito quella distorsione contro la Pro Vercelli ma si sta allenando senza problemi.

BARI – Abbiamo la voglia di fare una prestazione sopra le righe in casa contro il Bari, troviamo effettivamente un’altra squadra rispetto all’andata, con diverso modulo e diversi giocatori. Noi purtroppo non possiamo modificare il nostro tipo di gioco, quindi affronteremo questa partita come tutte le altre, chi sbaglierà di meno porterà a casa i tre punti. La stiamo aspettando con serenità e la voglia di scendere in campo il più presto possibile.

LUCIONI OUT – Un difensore lo metterò sicuramente in campo. Devo valutare più l’aspetto mentale e di serenità. Le alternative a Lucioni sono rappresentate da tutti ragazzi pronti, magari uno ha giocato meno e l’altro ha la continuità della partita, valuto quello non altre cose.

MODULO – Noi non cambieremo la difesa a 4 a meno che non siamo in emergenza, i due mediani mi convincono, poi se uno tra Buzzegoli e Viola sta bene lo metterò in campo, ma grossi cambiamenti rispetto a Vercelli non credo che li andremo a fare. Affronteremo molte gare in pochi giorni, quindi a Vercelli ho preferito preservare Ceravolo. In questo momento voglio dare continuità sia al modulo che agli uomini, entrambi mi stanno dando garanzie.

MELARA – Fabrizio sa cosa chiedo agli esterni, così come lo chiedo a lui, lo chiedo a Matera che mi sta convincendo sempre più; lo chiedo a Pajac, a Cissé che con l’assenza di Puscas potrebbe alternarsi centralmente con Ceravolo, anche se ormai a sinistra sente suo il ruolo. Non ci sono dei bocciati, non è detto però che se ci sono situazioni particolari non vedremo nuovamente Melara in campo. Lui sta lavorando per essere utile e disponibile come gli altri, sono molto sereno in queste situazioni. E’ un po’ come con Lopez: Pezzi sta facendo benissimo, ma non è che Walter ha qualche problema, sta bene anche lui fisicamente.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.