Allievi regionali: intervista esclusiva a Rino Carbone

217

16 dicembre 2010. Rino Carbone, attaccante degli allievi regionali della Forza e Coraggio, ha rilasciato un’intervista incentrata soprattutto sul confronto tra la sua attuale società e la Ferrini, squadra con cui ha disputato lo scorso campionato allievi regionali.

“In questi primi mesi alla Forza e Coraggio, mi sono trovato molto bene con il gruppo, anche perché ho ritrovato molti ex compagni della Cesare Ventura, squadra con cui ho disputato il campionato giovanissimi regionali due anni fa. La stagione scorsa, infatti, dopo aver effettuato la preparazione con la Forza e Coraggio, decisi di andare a “farmi le ossa” alla Ferrini, dopo che il mister mi disse che non avrei trovato molto spazio. Tuttavia la mia mentalità di gioco, dopo un anno trascorso in un’altra società, è rimasta sempre la stessa. Infatti l’anno scorso ho disputato il campionato con la Ferrini da titolare e quest’anno non ho avuto problemi ad adattarmi alla mentalità della nuova squadra, anche se purtroppo sto avendo poche opportunità per dimostrare il mio valore. Dopo la conclusione della passata stagione, la Ferrini non ha formato la squadra degli allievi regionali e, anche se mi è stata offerta la possibilità di giocare con la Juniores, l’idea di giocare per la Forza e Coraggio mi piaceva, anche in una prospettiva futura. L’ambiente che ho ritrovato è lo stesso di quando me ne sono andato, a partire dal presidente che è una bravissima persona, molto umile e socievole. Anche alla Ferrini ho trovato un ottimo ambiente calcistico e infatti vi ho trascorso un bel periodo, ma la dirigenza non sembra molto interessata al settore giovanile, cosa che invece non avviene alla Forza e Coraggio, dove i dirigenti seguono con attenzione molte partite. Per quanto riguarda il campionato di quest’anno, trovo che sia molto più semplice rispetto alla stagione passata, anche grazie alla bravura del nostro gruppo. L’anno scorso, con la Ferrini, siamo stati molto sfortunati e abbiamo dovuto affrontare squadre, sulla carta, molto forti sotto tutti i punti di vista. Se mi chiedessero di scegliere tra un campionato come titolare alla Ferrini e uno come riserva alla Forza e Coraggio? Beh, essere una riserva non vuol dire essere inferiore ai titolari, quindi dal mio punto di vista non si può essere riserve all’infinito. Sono convinto che quest’anno disputerò qualche partita da titolare, anche per permettere di “tirare il fiato” a chi sta giocando ora, disputando un ottimo campionato. Un pensiero per l’anno prossimo sulla juniores di Antonello Mauro? Per adesso guardo a quest’anno, poi, per l’anno prossimo, cercherò di dare il massimo come ho sempre fatto. Ho sentito parlare di Mauro,dicono che è un bravissimo allenatore…..credo proprio che andremo d’accordo !

Giuseppe Del Vecchio

CONDIVIDI