Aglietti polemico ma sicuro: “Abbiamo una soluzione per fermare il Benevento”

155

Quattro punti nelle ultime due partite. Eppure i tifosi dell’Ascoli si aspettavano qualcosa in più, soprattutto dopo la vittoria interna contro l’Avellino. Il Picchio nell’ultimo turno di campionato ha impattato infatti a Latina, contro una squadra penalizzata in maniera letale solo poche ore dopo il pareggio del Francioni. E la cosa non è andata giù all’allenatore bianconero:  “I punti di penalizzazione lasciano perplessi, perché contro di noi il Latina ha giocato a mille, poi andrà a giocare una partita diversa a Brescia. I tempi in Italia come sempre sono lunghissimi, ma noi pensiamo a noi stessi”. 

La puntura, insomma, può anche starci. Sul Benevento invece solo parole di elogio ma non di timore: “Domani potrebbe essere decisiva in caso di vittoria. Dobbiamo cercare di vincerla ma se dovesse uscire fuori un pari sarebbero decisive le altre due. Tutti abbiamo voglia di interpretare la partita bene, però quando si caricano troppo le partite si rischia di non essere lucidi in campo. Troviamo una squadra forte che sa palleggiare ottimamente, quindi non dovremmo perdere questa lucidità”. 

Il punto di forza dell’Ascoli potrebbe essere la difesa, ed è grazie a questo aspetto che Aglietti conta di avere la meglio sul Benevento: “Il fatto che non subiamo gol da quattro partite è un buon viatico per arrivare alla salvezza. Il Benevento è una società che non nasconde le proprie ambizioni, davanti Baroni ha risorse importanti come Falco o Ceravolo, dovremmo fare in modo che non gli arrivino palle pulite. La corsa per la salvezza si è accelerata. Nell’ultimo mese noi siamo riusciti a fare quello che pensavamo, poi anche sotto sono andati forte. Bisogna mantenere grande freddezza e lucidità, non facendosi prendere dall’ansia di dover vincere subito la partita. Sono fiducioso, perché le premesse per fare una grande partita domani ci sono”.

CONDIVIDI
Classe '90, beneventano dentro e fuori dal campo. Pubblicista dal 2012, laureato in Scienze della Comunicazione. Dal 2009 al seguito dei colori giallorossi con un pc sottobraccio. La B un sogno realizzato, ma non c'è conquista più bella di quella che deve ancora arrivare...