17 agosto 2013, proprio 4 anni fa ci fu “l’ultimo” Sampdoria Benevento

108
Mirko Eramo Sampdoria Benevento
Eramo in scivolata su Ferretti

Domenica sera il Benevento affronterà per la terza volta nella propria storia, in confronti ufficiali, la Sampdoria.
La squadra blucerchiata, attualmente allenata da Marco Giampaolo, proprio quest’oggi, ma quattro anni fa, affrontò i giallorossi nel terzo turno di Coppa Italia TIM, vincendo per 2-0 con doppietta di Manolo Gabbiadini (ora in Inghilterra al Southampton).
Unico superstite di quella Sampdoria è l’attuale capitano Vasco Regini, autore di due assist, e per quanto riguarda il Benevento, due suoi attuali giocatori, Mirko Eramo e Andrea Costa all’epoca erano dalla parte dei blucerchiati. Il centrocampista però non farà parte della gara di domenica perché squalificato.
Andiamo a ripercorrere insieme le note salienti di quella partita:

Sampdoria-Benevento 2-0.
Una Sampdoria sterile e un Benevento propositivo; è questo quello che abbiamo visto nei primi 45′ di questo terzo turno di coppa italia. Uno 0-0 che fa più felice ovviamente la squadra giallorossa, visto che tra le due compagini ci sono ben due categorie di differenza. Azioni degne di nota non ce ne sono state fino alla metà della prima frazione di gioco, quando sono stati gli ospiti a salire sugli scudi con una punizione al limite dell’area. Per il resto nessuno dei due portieri ha effettuato parate significative, visto che le difese si sono comportate entrambe bene in difesa.

Felice Evacuo Sampdoria BeneventoLa Sampdoria nella ripresa si è fatta più propositiva e i valori in campo escono ben presto, segnale della differenza di categoria tra le due squadre. Sugli scudi da parte blucerchiata di certo Regini (autore di due assist) e Gabbiadini autore delle due reti che portano al risultato finale di 2-0; da parte giallorossa buona prestazione di tutta la difesa giallorossa, ma se dobbiamo fare un nome diciamo Zanon; a centrocampo bene la prestazione di Di Deo e De Risio, ma soprattutto nel primo tempo. In avanti partita di sacrificio di Evacuo e Campagnacci.
Forse il risultato è leggermente bugiardo, una rete di distacco sarebbe stata più che giusta, ma alla fine il Benevento è uscito dallo stadio Luigi Ferraris a testa alta. 
Sampdoria che passa al prossimo turno dove affronterà il Verona che ha superato il Palermo.

Il tabellino:
Sampdoria-Benevento 2-0
Reti: 71′ e 81′ Gabbiadini.

Sampdoria (3-5-2): Da Costa; Mustafi, Palombo, Costa; De Silvestri, Eramo (55′ Renan), Krsticic, Obiang, Regini (85′ Castellini); Eder (80′ Sansone), Gabbiadini.
A disp.: Fiorillo, Salamon, Rodríguez, Pozzi, Berardi, Soriano, Gastaldello, Gentsoglou, Gavazzi.
All.: Delio Rossi.

Benevento (4-3-3): Gori; Ferretti, Mengoni, Signorini, Zanon; De Risio (79′ Di Piazza), Di Deo (72′ Espinal), Mancosu (72′ Vacca); Campagnacci, Evacuo, Montiel.
A disp.: Zummo, Anaclerio, Carotti, Buonaiuto, Altinier, Kanoute.
All.: Guido Carboni.

Arbitro: Gervasoni di Mantova.
Assistenti: Iori di Reggio Emilia e Tasso della Spezia.
Quarto uomo: Pairetto di Nichelino.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.