1ª vittoria del Foligno in campionato. In coda vincono anche Reggiana e Monza. Ternana fermata dal Pavia in casa.

226

Como-Tritium  1-2
19′ Chimenti (T), 41′ Ripa (C), 43′ Teso (T)

Terza vittoria in trasferta per la Tritium e seconda sconfitta in casa per il Como. Gli ospiti vanno in vantaggio a metà primo tempo con Chimenti che beffa Giambruno, ingannato sul tiro da una leggera deviazione del compagno di squadra Ghidotti. Il pareggio dei padroni di casa arriva sul finire della prima frazione con Ripa che di testa, su passaggio di Filippini, batte Nodari (preferito al titolare Pansera). Ma la gioia per il pari è effimera visto che nemmeno dopo due minuti, la Tritium si riporta in vantaggio con Teso che mette in rete dopo gli sviluppi di una punizione dal limite. Nella ripresa il Como tenta la via del secondo gol per il pareggio, ma la Tritium contiene bene, sfiorando addirittura la terza rete in chiusura di match con il subentrato Floriano, che lascia sul posto Urbano, ma non ha fortuna nella conclusione. Il Como resta fermo a 16 e la Tritium gli si avvicina a 15 punti.

Foggia-Avellino  1-1
33´ Thiam (A). 84′ Agodirin (F)

Il Foggia si dimostra squadra abbonata al pareggio, ben 6 in 10 partite di campionato, mentre l’Avellino vede sfiorare i tre punti a soli 5 minuti dal termine dell’incontro. Il Foggia ha l’occasione di portarsi in vantaggio al 25′, grazie ad un rigore a favore, avuto per atterramento di Tomi ad opera di Zammuto; ma Venitucci spreca per la seconda volta in campionato tirando centralmente e permettendo a Fumagalli di respingere la conclusione. Passa qualche minuto ed è l’Avellino a passare in vantaggio per primo con Thiam che in combinazione con Malaccari, mette in rete alle spalle di Ginestra. Nella ripresa il Foggia rientra in campo più convinto, ma nonostante l’impegno profuso riesce a segnare un solo gol con Agodirin, servito da Cruz. Entrambe le squadre che erano a 10 punti, guadagnano un punto portandosi a 11.

Lumezzane-Viareggio  1-0
72′ Ferrari

Settimo risultato utile consecutivo per il Lumezzane, che sembra aver ormai dimenticato il significato della parola “sconfitta”; per il Viareggio che invece conosce bene l’etimologia del termine, si tratta della quarta partita persa fuori casa, nonostante la vittoria della precedente trasferta in quel di Pavia. Il Lumezzane sin dall’inizio del match dimostra di comandare il gioco per larga parte dei 90 minuti, ma riesce ad avere ragione degli ospiti solamente a metà ripresa con un diagonale del subentrato Ferrari. Il Lumezzane sale a quota 17, attestandosi in zona playoff, al quarto posto, mentre il Viareggio resta penultimo in classifica con 4 punti.

Monza-Spal  3-1
30′ Torregrossa (M), 55′ Colacone (M), 76′ rig. Arma (S), 90′ Chemali (M)

Prima vittoria in casa in questo campionato per il Monza (il segno 1 in schedina mancava tra le mure amiche da ben cinque mesi), e terza sconfitta consecutiva per la Spal. Gli ospiti partono bene, ma sono poi i padroni di casa a passare in vantaggio con Torregrossa che recupera il pallone su un tentato rilancio difensivo di Pambianchi, e insacca in rete. Le squadre vanno al riposo sull’1-0 e ad inizio ripresa identico copione: ospiti in avanti, ma a segnare è il Monza che raddoppia con Colacone: cross di Nappello e l’attaccante salta di testa in mezzo a due avversari, mettendo poi in rete. La Spal accorcia poi le distanza con un rigore messo a segno da Arma, rigore assegnato per fallo di mano in area da parte di Colacone, sugli sviluppi di un corner. Al 90′ il Monza nonostante l’assedio finale dei ferraresi, riparte in contropiede e Chemali, sfruttando un cross di Romano sul quale Teodorani era uscito avventatamente, mette tranquillamente in rete. Il Monza con 10 punti sopravanza la Spal in classifica che resta a 9.

Pro Vercelli-Foligno  0-1
91′ Castellazzi

Prima vittoria di questo campionato per il fanalino di coda Foligno, e prima sconfitta casalinga per la Pro Vercelli. Dopo un brutto primo tempo da parte di entrambe le squadre, nella ripresa la partita si svolge tutta nella metà campo umbra, e a testimoniarlo ci sono ben 14 calci d’angolo a 0, a favore dei padroni di casa. Il portiere folignate Zandrini si dimostra come sempre uno dei migliori portieri del campionato, ed uno dei migliori della sua squadra, visto che nel corso dell’incontro ha parato tutto ciò che c’era da parare, persino il calcio di rigore nei minuti di recupero che poteva portare al pareggio la Pro Vercelli. Ma andiamo con ordine, è il Foligno che al 91′ passa in vantaggio con il gol vittoria del subentrato Castellazzi che in contropiede, dal limite dell’area, scaglia un missile imprendibile per Valentini. L’0ccasione del pareggio avviene su rigore dato per atterramento di Malatesta, l’autore del fallo è Merli Sala che viene anche espulso per fallo da ultimo uomo. Malatesta dal dischetto calcia male e debolmente, permettendo la facile parata di Zandrini. Nient’altro da dire: è stata una vittoria epica per il Foligno che resta comunque ultimo, ma sale ad 1 punto in classifica, tenendo conto della penalizzazione di 3 punti. La Pro Vercelli resta a 14, superata dalla Tritium a 15.

Reggiana-Pisa  1-0
89′ Zini

La Reggiana si porta fuori dalla zona playout balzando sopra Spal e Pavia, grazie alla vittoria sul Pisa nei minuti finali del match. Vittoria sofferta visto che è arrivata in 10 contro 11, per il rosso all’esperto difensore Lanna che al 36′ del primo tempo si fa espellere per un colpo a Strizzolo, dato a palla lontana. Il guardalinee se ne avvede e avverte il direttore di gara che caccia il cartellino al giocatore granata. Il Pisa approfitta della superiorità numerica mantenendo il pallino del gioco, ma i padroni di casa si difendono bene e i primi 45′ si concludono sul risultato ad occhiali. Nella ripresa la Reggiana si fa sotto e passa in vantaggio con il capitano Zini che di testa, su corner di Alessi, insacca alle spalle di Pugliesi. La Reggiana sale quindi a 10 punti, affiancata dal Monza, e il Pisa resta a 13 punti.

Sorrento-Carpi  2-1
45′ Kabine (C), 67′ Ginestra (S), 72′ Scappini (S)

Se la vede brutta in casa il Sorrento che per due terzi di gara è stato messo sotto dal Carpi, meritatamente in vantaggio sul finire della prima frazione di gioco, grazie alla rete di Kabine, servito da Cesca che era stato lanciato da Bastianoni in contropiede. Kabine ricevuta palla sferra un diagonale su cui il portiere Rossi è assolutamente incolpevole. Nella ripresa, nel momento migliore degli ospiti, il Sorrento sopraggiunge al pareggio con il cannoniere Ginestra che sale a quota 6 gol in campionato (primo è Arma della Spal con 7 marcature), sfruttando di testa un cross di Carlini. Cinque minuti più tardi ecco il vantaggio dei costieri con Scappini che segna grazie ad un altro cross di Carlini, questa volta però basso. Il Carpi è ormai battuto, e il Sorrento va vicino al terzo gol in un altro paio di occasioni, colpendo anche il palo con Galabinov. Il Sorrento sale a 19 restando nella scia della Ternana, e affiancando il Taranto al secondo posto in classifica (in attesa del posticipo a Benevento). Il Carpi resta a 16 punti.

Ternana-Pavia  2-2
2′ Litteri (T), 43′ Rodriguez (P), 76′ Docente (T), 94′ Marchi (P)

La Ternana nei minuti di recupero si fa bloccare in casa dal Pavia, rivitalizzato dall’arrivo del nuovo allenatore Pergolizzi. Per la capolista è il primo “passo falso” in casa, visto che nelle precedenti gare, il pubblico di casa aveva sempre visto vincere i propri beniamini. Ciononostante si tratta dell’ottavo risultato utile consecutivo per i rossoverdi, pareggio che porta bene anche al Pavia, visto che veniva da ben tre sconfitte di fila. E’ la Ternana a passare immediatamente in vantaggio con Litteri che dopo un controllo di destro in area, infila di sinistro Facchin. Sul finire del primo tempo, ecco il primo pareggio degli ospiti con Rodriguez che servito da Meza Colli, batte il portiere di casa Ambrosi. Squadre a riposo sull’1-1. La Ternana riesce a riportarsi in vantaggio solamente grazie ad un errore in disimpegno della coppia centrale ospite, composta da Romeo e Fissore, tra i due interviene Docente che trovatosi uno contro uno con Facchin non sbaglia e segna. Nei minuti di recupero, ecco il pareggio del subentrato Marchi che di testa mette in rete, grazie al bel passaggio su punizione telecomandata di Falco. La Ternana vede volare via la possibilità di andarsene in fuga, e si porta a quota 23, il Pavia guadagna un punto salvezza salendo a 8.

CONDIVIDI
Nato a Benevento nel 1983, conclude gli studi superiori con il diploma di Geometra. All'università decide di cambiare completamente campo di studi, assecondando la sua passione di scrivere, iscrivendosi quindi alla triennale di Scienze della Comunicazione a Salerno (e poi alla specialistica all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa a Napoli), con l'intenzione di diventare sceneggiatore, giornalista o semplice scrittore. Dal 2011 collabora con SannioSport.it come giornalista sportivo, principalmente seguendo le vicende del Benevento Calcio, ma interessandosi anche di altre squadre e/o categorie sportive. Saltuariamente scrive di altri argomenti anche sul suo blog, o per altri giornali online.